“Scienziati” @internazionale

Screenshot_20160501-124328 copyNel numero 1151 c’e una bella foto della sala controllo di Chernobyl dove dei presunti “scienziati” fumano e chiacchierano annoiatamene. 

Fantasmi nucleari
Černobyl, Ucraina 15 aprile 2015
Scienziati nella sala di controllo del secondo reattore della vecchia centrale nucleare di Černobyl. Il 26 aprile 1986 l’esplosione del quarto reattore segnò l’inizio del più grande disastro nella storia dell’energia atomica a uso civile. La fuga di materiale radioattivo continuò per dieci giorni, contaminando un’area di circa 200mila chilometri quadrati. Milioni di persone furono esposte alle radiazioni. Malgrado la contaminazione, a trent’anni di distanza la cosiddetta zona di esclusione si è trasformata in un ecosistema ricco di fauna selvatica e dovrebbe presto diventare una riserva naturale. Foto di Michal Huniewich (Exclu- sivepix Media/Karma press photo)

Chi fa scienza solitamente cerca di scoprire la natura e spiegare il suo comportamento per trovare principi e applicazioni utili alla società. Tipicamente lo scienziato fa il suo lavoro con molta passione e sicuramente non controllando un reattore nucleare vecchio di più di 40 anni, fuori norma e tenuto in funzione soprattutto per l’interesse di pochi.

Posted in Editoriali | Leave a comment

OpenLabs 2016 …segui l’Onda!

sicrotroneSabato 14 maggio 2016
INFN – Laboratori Nazionali di Frascati
Via Enrico Fermi, 40 – Frascati (RM)
INGRESSO LIBERO 10:00 – 21:00
OpenLabs è una giornata dedicata alla scienza pensata per soddisfare il pubblico di ogni età.

Nelle conferenze e nei seminari, i diretti protagonisti racconteranno le recenti scoperte e le possibili future conquiste della scienza.

Agli studenti sono inoltre riservati incontri di orientamento universitario.

I Laboratori Nazionali di Frascati saranno aperti tutto il giorno per mostrare la strumentazione utilizzata dai ricercatori. Sono in programma visite guidate, dimostrazioni interattive, una mostra sui rivelatori e lezioni-spettacolo per raccontare la fisica contenuta nelle esperienze quotidiane della nostra vita, come la musica, lo sport e il gioco.

Sarà inoltre possibile visitare DAFNE, l’acceleratore italiano per la fisica delle particelle.

Una speciale attenzione è riservata agli scienziati del futuro con programmi e attività ludico-didattiche per bambini e teenager.

L’accesso sarà pedonale con parcheggio gratuito per i visitatori adiacente la stazione ferroviaria Tor Vergata a 50 mt dall’ingresso ai LNF.

Area Street Food no stop.

Info e programma
Prenotazioni alle visite guidate aperte da Venerdi’ 29 aprile 2016
Contatti: openlabs@lists.lnf.infn.it

Posted in News | Leave a comment

CoScienza al verde

Italiani-aziende-innovative-sono-quelle-che-puntano-sulla-sostenibilità

Categoria: Seminario
Destinatari: Tutti (8+)
Organizzatori: Frascati Scienza, UNITRE – Università delle Tre Età
Data: Venerdì 22 Aprile 2016.
Orario: Dalle ore 17:00 alle ore 19:00.
Luogo: Palazzo della curia vescovile – Sala dei CardinaliP.zza G. Pantanelli n°8 – Palestrina, IT

info: http://www.frascatiscienza.it/eventlist/?bytarget=&bycategory=&bytown=&byday=&evs=943

Posted in Eventi | Leave a comment

Dal Bosone Higgs alla cura dei tumori con l’adroterapia

Screen Shot 2016-04-10 at 14.12.53Screen Shot 2016-04-10 at 14.19.18

Posted in Eventi | Leave a comment

VISUAL IDENTITY DELLA NOTTE EUROPEA DEI RICERCATORI 2016/17

designOra è ufficiale! Frascati Scienza organizzerà per l’undicesimo anno consecutivo la Notte Europea dei Ricercatori, progetto promosso dalla Commissione Europea. Frascati sarà l’epicentro di un grande evento nazionale che il 30 settembre 2016 vedrà protagonisti i ricercatori, i cittadini, i giovani, gli studenti contemporaneamente nelle città di Roma, Ferrara,Trieste, Bologna, Milano, Ferrara, Catania, Pisa, Bari, Cagliari, Pavia, Firenze, Napoli, Genova, Sassari, Parma, Palermo, Gorga, Grottaferrata, Monteporzio Catone e in centinaia di città europee.

La manifestazione è dedicata alla centralità della figura del ricercatore e all’importanza della ricerca scientifica. Lo Slogan delle prossime due edizioni previste a settembre 2016 e 2017 e’ “MADE IN SCIENCE”, con l’obiettivo di ribadire l’importanza della “filiera della scienza” che, come ogni eccellenza, si distingue per qualità, identità, creatività, sicurezza, transnazionalità, competenze e responsabilità.

La visual identity dovrà pubblicizzare la “Notte Europea dei Ricercatori 2016-17”, manifestazione destinata ai ricercatori, alle scuole e al pubblico generico di tutte le età.

Tra gli obiettivi da raggiungere:

  • I ricercatori sono persone il cui lavoro di straordinaria bellezza, gioca un ruolo fondamentale nello sviluppo della società
  • Fare ricerca è divertente ed eccitante
  • Made in Science è la rete di enti di ricerca e università di alto valore scientifico che si distingue per qualità, identità, creatività, sicurezza, transnazionalità, competenze e responsabilità.

Possono partecipare al concorso tutti i creativi che lo richiedono. La partecipazione al concorso avviene per auto-candidatura da parte dei partecipanti, attraverso   la   compilazione   del   modulo   di   presentazione   allegato   al  regolamento. In caso di partecipazione di minori e’ necessaria anche la firma di uno dei genitori. La partecipazione al concorso è ammessa in forma individuale o di raggruppamento non legalmente costituito, allegando in quest’ultimo caso una autodichiarazione sottoscritta da tutti i componenti del gruppo dalla quale risulti il soggetto che ha la rappresentanza del gruppo stesso.

Ogni concorrente, sia singolo che in gruppo, può presentare un solo progetto.

La visual identity deve essere inviata in formato digitale su CD con annessa una copia stampata formato poster maggiore o uguale a 50 x 70 cm. Alla visual identity dovrà essere affiancato un documento di spiegazione della visual identity creata.

Il progetto vincitore riceverà un premio di €500.

Il concorso termina il 10 maggio 2016. info e bando: http://www.frascatiscienza.it/2016/04/realizza-la-visual-identity-della-notte-europe-dei-ricercatori-201617/

Posted in News | Leave a comment

La supercazzola

supercazzola“Volete voi che sia abrogato l’art. 6, comma 17, terzo periodo, del decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152, ‘Norme in materia ambientale’, come sostituito dal comma 239 dell’art. 1 della legge 28 dicembre 2015, n. 208 ‘Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato (legge di stabilità 2016)’, limitatamente alle seguenti parole: ‘Per la durata di vita utile del giacimento, nel rispetto degli standard di sicurezza e di salvaguardia ambientale’?”
Non so… a me vine solo in mente la definizione di wikipedia sulla supercazzola: “è la più antica arte tantrica di disorientamento e culeggio nei confronti di negozianti, professori o semplici passanti ignari. Consiste nell’accostare a cazzate parole che non esistono, ma hanno la parvenza di essere fini termini dotti”.
Inutile quindi provare a dare, a mio avviso, una spiegazione tecnica a questo referendum. Si sente raccontare tutto e il suo contrario, ognuno da numeri differenti e si può  solo fare una scelta politica, e perché no, anche civica, andando a votare. Non votai per il nucleare perché ho sempre ritenuto che le scelte sul futuro di un sistema energetico nazionale non possono essere demandate ai cittadini, pertanto, non ritenendo il nucleare più o meno pericoloso degli idrocarburi, carbone, etc, non ho considerato opportuno quel referendum. Ma qui siamo chiamati a valutare il nostro passato, i danni fatti e quelli che gli idrocarburi continueranno a generare. Oggi tecnologia e progresso ci permettono una scelta migliore e quindi andrò a votare, solo per ragioni politiche, si…

Posted in Editoriali | Leave a comment

Computer Qunatistico

Ragionando su come spiegare un computer quantistico mi e’ venuta in mente questa analogia, che come tale non e’ una spiegazione di come funzionano i computer quantistici. In un computer classico l’informazione viene trasportata dai bit che possono assumere solo valori definiti 0/1 a priori e poi percorrere una algoritmo preciso per calcolare la soluzione finale. Al contrario in un computer quantistico l’indeterminazione dei “qbit” permette di affrontare tutte le strade possibili, massimizzando quelle più probabili indicate nell’algoritmo di calcolo.

CquantisticoSupponiamo di avere un corridore che deve affrontare un labirinto con 1000 percorsi possibili e vogliamo sapere quale sia il percorso più breve: finche il corridore non compie tutti e 1000 i percorsi possibili non possiamo sapere la soluzione al nostro problema, quando anche avesse affrontato come primo percorso il più breve, fintanto che non li ha affrontati tutti non sapremmo che quello è il precorso  che stiamo cercando.

Supponiamo ora di avere un gran numero di corridori, esempio un milione, che affrontano contemporaneamente il labirinto, dopo un certo tempo dall’altra parte del labirinto saranno arrivati con maggiore probabilità quei corridori che avranno affrontato i percorsi più brevi, riproducendo rapidamente un distribuzione che avrà come valor medio il tempo del percorso più breve. Aspettare che arrivino tutti i corridori servirà solo a rafforzare il risultato la cui precisione dipende solo da quanti corridori inizialmente riesco a far partire (i “qbit” il cui percorso da seguire non è inizialmente predeterminato). In questo secondo caso (computer quantistico), inoltre, il tempo computazionale è pari al massimo al tempo di percorrenza del percorso più lungo, e non alla somma dei tempi di tutti i percorsi possibili come accade ai “bit” nel primo caso (computer classico)

GRIDTclassico = Tmin+T2+T3…+T999 + Tmax
Tquantistico = Tmax

 Una soluzione classica a questo problema (l’unica che abbiamo oggi)  è il calcolo parallelo, che però equivale a duplicare corridore e labirinto (codice e computer sul quale fare la computazione) con un notevole dispendio di risorse.

Posted in Editoriali | Leave a comment